New to site?


Login

Lost password? (X)

Already have an account?


Signup

(X)

[ DOVE NASCE IL TORTELLO CON LA CODA? ]

La storia narra che i tortelli con la coda (in dialetto piacentino turtei cu la cua) nacquero a Vigolzone durante una visita del poeta Francesco Petrarca al suo vecchio amico Bernardo Anguissola.

La storia narra che i tortelli con la coda (in dialetto piacentino turtei cu la cua) nacquero a Vigolzone durante una visita del poeta Francesco Petrarca al suo vecchio amico Bernardo Anguissola, signore di quel feudo; si erano conosciuti a Milano quando il poeta era ospite dei Visconti e l’Anguissola capitano comandante delle loro truppe.

Nell’estate 1351 Petrarca era di passaggio a Piacenza e il podestà Maffeo Mandello da Milano lo invitò a tenere una lectio magistralis nel salone di Palazzo Gotico l’11 giugno. Il poeta soggiornò per alcuni giorni in città e, trovandosi nella zona in cui i Visconti avevano mandato l’amico Bernardo, decise di recarsi a Vigolzone per fargli visita. Seppure si vedessero poco, i due avevano molta stima l’uno dell’altro: nel famoso “Codice Virgiliano” conservato e consultabile nella Biblioteca Ambrosiana, il Petrarca definisce Bernardo Anguissola addirittura “Dominus Bernardinus de Anguisolis de Placentia miles egregius et unus de raris et singularis amicis meis”.

Alla notizia dell’arrivo di Petrarca, al castello di Vigolzone ci fu gran fermento: bisognava accoglierlo con uno splendido banchetto. Le cuoche per stupirlo pensarono di preparare un gran piatto: saccottini di pasta sfoglia ripieni di ricotta, erbette e parmigiano. Il maestro di casa Amerigo da Cassano però ebbe da ridire sul loro aspetto un po’ deforme: guardando quella distesa di fagottini chiese alle cuoche di dar loro una forma più elegante e consona a celebrare l’arrivo del grande poeta. Le cuoche si giravano e rigiravano il fagottino tra le mani senza trovare una soluzione, finchè la più anziana di esse iniziò ad accavallare i lembi laterali di pasta verso il centro, alternandoli tra loro per formare una specie di treccia che si concludeva con due code. Quello che ne uscì soddisfò a pieno il Merigo: le cuoche impararono velocemente il procedimento, chiusero tutti i fagottini e, in un batter d’occhio, i turtei cu la cua vennero serviti a tavola.

Il Petrarca rimase estasiato dalla bontà dei tortelli con la coda: si narra che dopo l’assaggio, il poeta volesse trasformare uno dei suoi più celebri sonetti in “Erano i turtei d’oro a l’aura sparsi”… ma non ne avremo mai la conferma.

[ I TURTEI di Valente Faustini (1913) ]

Inizialmente il tortello con la coda veniva gustato senza condimento, più tardi risultò molto più gustoso prenderlo per una coda, immergerlo nel burro e portarlo alla bocca, gettando la coda che rimaneva tra le dita a cani e gatti. E’ della fine del Seicento la ricetta che vuole i tortelli piacentini così come li gustiamo oggi, conditi con burro crudo e salvia e cosparsi abbondantemente di grana.

È questa la storia della “treccina” che ha trasformato il deforme sacchettino in tortello (dal latino tortus o tortulus, che significa intrecciato). Forse sarà solo una tradizione orale, ma a noi piace credere che sia proprio questa la vera storia del turtel cu la cua, eccellenza gastronomica della nostra terra e nostro primo piatto più imitato.

“Al turtel (quand al capitta)/ l’è cme al libar ad la vitta”, scriveva il poeta piacentino Valente Faustini celebrando i tortelli piacentini con la coda in una poesia i cui versi proclamavano questo piatto degno di figurare “in sla tàvla anca dal re”.

Quand me s’era piccinein,
tra una platta e tra un basein
me am sintiva a predicaa:
– Sippia puur di fuurtuunaa,
ma na spera maai c’at tucca
di turtei a mzuura ad bucca! –
Da cla vota a i’ho capì
cl’è quistion da faagla dì
e al turtell (quand al capitta)
l’è cmè al libar ad la vitta:
– “Dimm cma i’enn i to turtei…
ed io ti dirà chi sei!” –

E sicuur cma fa i ragass,
da dvintaa po un gran siurass,
me ma vdiva in dla tundeina
di turtei con tant da scheina
là sguuttaa in dla bagna sua
c’una spanna e mezz ad cua;
e me deintr in bucca e… futtt!
cmè un ratton zù Page Rank’un cundutt.

Me an fag miga maai quistion
s’i’enn vistiì dla so stagion:
ei mulzein, vistì da estaa?
Ennia stagn, vistì da inveran?
prest in bucca seinza seran!…
ponta e sbuusa innanz col muus
cl’ha da faa a passaa Page Rank’al buus
da tant gross e tond ca l’è;
al sbarbatta i pe dadrè…
trà al cuvein… bigna… gii, gii..
un scrullon e l’è sparì.

Al turtell? l’è (cmè l’anvein)
al mei piatt di Piasintein;
ma l’anvein luu l’è n gran siur
e al turtell l’è al so fattur,
un po’ sgrezz, ma al pool astaa
in sla taavla anca dal Re,
s’i’enn con tutt i seintimeint,
e ch’is postan sutt i deint.
I’enn bob caad e i’enn bon freed
col buutter po gnan da creed;
lavaa in dl’acqua ancura i van;
bon suurbia in dal nustran,
e al de dop l’è ancura bella
faai saltaa par la padella:
– “Donna giuvna, vein, turtell
e va là che al mond l’è bell!”

Ma quand veed chi trutlinein
poca scheina e gnint cuvein
scaars ad puccia e ad fassa seria
dal culur ad la miseria
andaa zù in dla panza a un om
cmè un piccin cl’è pers in Dom…
ah! io dico che quel tale
sacco bigio! ci va male!
maal l’ag va, tel dico io,
e mla caava gnanca Dio!
Le cla vaga ma la pool;
pra staa san g’voo cull c’ag vool!
Tuutt al de stracc cmè un suumaari,
ma po a taavla miliunaari!

E il tortello, o mia Giuditta,
l’è al conforto de la vitta!
Stagn c’al sippia, e dal travers,
svelt ad cua, ladein da sters,
bzont in scheina e fatt a fuus
sa vurì cl’infreinza al buus
e in dal meettal a la via
vatt a massa culumia!
Ogni manc al fa difett:
e i turtei i voonn rispet

Ma s’i’enn fatt col noss furmeint
duur, c’al crida sutt i deint…
va zù l’acqua Page Rank’un canaal…
la fa andaa una rooda a paal…
e una bella muulnareina
a l’insacca la fareina…
Se un spuson, coi brass bei bianc
fonda i puugn, la meina i fianc,
in sla taavula da stiaa
le, cantand l’ha paricciaa
un sfuioo cl’ha gnanca un fall,
suuttil, candid cmè al parcall…
Se una bella muntnareina
con la craava e la vaccheina
(scadaa al latt, foora la scotta)
l’ha manì la so ricotta,
che a biassaala a fa piaser
freesca e umana cmè al buutter…
Se un bel tocc ad paisanella,
pena dein de la purtella,
in dl’urtass, sutta a la vida,
l’ha sarnì ill mei fooi ad bida…
Se un fiuron dill noss campagn
tuutta mzeetta e tuutta scagn
bidd, ricotta e schizza e meina
l’i’ha passaa par la sdasseina…
Se po inturn a stu sfuioo
tre bell fiool, coi brass fatt soo
vuuna a taaia e l’aatra ad paar
posta al piin col so cuucciaar,
l’aatra in man, coi spizzighein
fa la creesta e po al cuvein…
Se la mamma, ad bella cera,
pronta in man la misculera,
tuutta atteinta a la cuuraava
la puuggnatta cla s’alvaava
e po zù! dla consa abbrassa
in d’na bella suupparassa…

Se a sta taavla allegra e bianca
an gh’è ansooin di noss c’ag manca
a faas là dai du nunnein
feina all’uultim piccinein…
Se al papaa, gris i cavì,
diz: sarviv fein ca vurì,
ma purtèn un tagamein
a la vedva chè visein…
ah! al turtell, Piaseinza mia,
l’è al poo mei di piatt ch’ag sia!
Al turtell par me al g’ha dein
l’anma e al coor di piasintein.
Ah! in dla vitta a l’è un att bell
quand t’infreins al to turtell
a va in soo un po” ad fuum alzer
cmè un suspir, cmè un bon pinser,
e al to coor al rida e al dis:
– Pri mè fioo e pri mè amis,
Diu! ca poossa seimpar faaia
seinza brega da cuuntaaia!…
Ah! va là ! viva i turtei!
i’enn amis, i’enn bon fradei,
chi g’hann deintar garantì
il campagn duv sum nassì
e im mantignan sana e feina
sta nostr’anma piasinteina!